porto-limnionas-vedere-zante-1
Grecia

Zante, cosa vedere assolutamente

Cosa vedere a Zante

Quest’isola è un piccolo paradiso per gli amanti delle vacanze all’insegna del mare e della natura. Ci sono tantissime cose da vedere a Zante, ma qui di seguito ci sono quelle che secondo me sono imperdibili, oltre ovviamente alla celebre Spiaggia del Relitto.

Zante, la mappa dei luoghi da vedere

In questa mappa trovate i luoghi da vedere a Zante descritti in questo post e la strada percorsa per raggiungerli. In questo modo potete rendervi conto della posizione nel caso voleste organizzarvi le giornate, oppure per farvi un’idea sul luogo migliore in cui alloggiare. I segnalini verdi sono i punti d’interesse, mentre i rombi gialli sono i ristoranti consigliati.

ISOLA DI MARATHONISI

Detta anche ‘isola delle tartarughe’ non soltanto perché eletta dalle caretta-caretta come luogo di nidificazione, ma anche per la sua curiosa forma che ricorda appunto il simpatico animale, è raggiungibile soltanto via mare.

Se siete allenati potete arrivarci a nuoto dalla spiaggia di Limni Keri. Se siete pigri o insieme alla famiglia, un’idea carina è quella di noleggiare un piccolo motoscafo e trascorrere un piacevole pomeriggio girovagando per le grotte e spiaggette nascoste nei dintorni e per un breve attracco a Marathonisi.

Le imbarcazioni possono essere noleggiate anche se non si possiede la patente nautica, sono mezzi sicuri in quanto dotati di sistema satellitare, e in caso di emergenza basterà azionare un pulsante per essere raggiunti in pochi minuti.

L’area su cui stazionare sull’isola è molto ristretta e la raccomandazione è quella di non lasciare assolutamente alcun tipo di rifiuto e di non superare i paletti posti per delimitare i nidi.

vedere-zante-isola-marathonisi
L’isola di Marathonisi fotografata dal terrazzo della Taverna to Votsalo a Marathias

PORTO LIMNIONAS

Questo luogo incantevole non si può definire una vera e propria spiaggia. È più simile a un fiordo dalle acque ghiacciate, ma merita assolutamente una visita per la sua particolarità.

Dalla costa sud seguite le indicazioni per raggiungere Koliomenos e da lì proseguite per Agios Leon. Qui troverete un bivio con l’indicazione per Porto Limnionas ed inizierà la discesa verso l’insenatura. Vi accorgerete di essere giunti a destinazione quando scorgerete un ristorante circondato da un parcheggio.

Esattamente sotto la struttura è possibile affittare per pochi euro sdraio e ombrellone, ma il mio consiglio è quello di scendere i gradoni e stendere il vostro telo mare dove capita per farvi un tuffo rigenerante.

vedere-zante-porto-limnionas
Porto Limnionas

PORTO VROMI

Sempre sulla costa ovest si trova Porto Vromi, altra piccola insenatura dai colori incredibili.

Da qui noi siamo partiti per l’escursione alla Spiaggia del Relitto. Partono barche da 20-25 persone e per me è il luogo di partenza ideale. L’escursione si può acquistare sul posto, anche se noi l’avevamo prenotata in un’agenzia di Limni Keri.

Da Agios Leon proseguite fino ad Anafonitria. Qui, nel centro del paese vi troverete di fronte ad un ristorantino. Prendete la discesa a sinistra del locale e seguite le indicazioni. Attenzione alla strada un po’ tortuosa.

vedere-zante-porto-vromi
Porto Vromi

CAPO SKINARI: IL FARO E LE BLUE CAVES

Se volete raggiungere il punto più a nord dell’isola e godere del panorama di Cefalonia all’orizzonte, dovrete cercare questo faro.

Continuando il nostro percorso in senso orario, superato Volimes attraverserete l’abitato di Elies ed arrivati all’incrocio che a destra indica Agios Nikolaos, prenderete a sinistra seguendo le indicazione per le Blue Caves. Proprio da qui partono molte escursioni per le Blue Caves, situate nelle vicinanze.

vedere-zante-capo-skinari
Cefalonia all’orizzonete e il faro di Capo Skinari

 SPIAGGIA SULFUREA DI XIGIA

Scendendo quindi verso sud, questa volta sul lato orientale di Zacinto, troverete Xigia, una spiaggia sulfurea. Il vostro olfatto vi assicurerà che siete nel posto giusto!

La spiaggia è piccola, in parte attrezzata, ma non manca lo spazio libero. Si accede da una ripida scalinata a lato del bar posto sul belvedere, che effettua il servizio anche sulla spiaggia tramite un paniere attaccato ad una carrucola che vi solleverà dal dovervi fare la scarpinata per un drink!

spiaggia-xigia-vedere-zante
Spiaggia di Xigia, Zante

PENISOLA DI VASILIKOS

Se dopo tutto questo girovagare e scarpinare siete alla ricerca di totale relax allora vi consiglio la zona di Vasilikos.

Una lunga striscia di sabbia per lo più costellata da stabilimenti balneari moderni e giovani. Avrete l’imbarazzo della scelta, bene o male si equivalgono tutti.

Noi siamo stati per due volte al Banana Beach, ombrelloni ben distanziati al prezzo di 6€ per tutto il giorno con due sdraio. Possibilità di ordinare cibo e bevande senza spostarsi dal lettino a prezzi più che ragionevoli e wifi gratuito.

vedere-zante-banana-beach
Banana Beach, Zante

Nelle vicinanze fate una rapida capatina alla spiaggia di Dafni, altra zona di nidificazione delle tartarughe. Attenzione però, la strada per raggiungerla è impervia, con lo scooter ve lo sconsiglio; ad un certo punto non abbiamo potuto proseguire data la profondità della sabbia sulla strada.

CAMEO ISLAND

Di fronte al paesino di Agios Sostis e Laganas sorge questa microscopica isoletta. La caratteristica è il ponte in legno che la collega alla terraferma. Potete percorrerlo liberamente, ma l’accesso all’isolotto è a pagamento, in quanto stabilimento balneare/bar/ristorante/discoteca. Il prezzo per accedere, compreso di drink, è di 4€.

La sera Cameo Island si trasforma in discoteca super trendy, ma anche super giovane, colonizzata dai frequentatori di Laganas.

vedere-zante-cameo-island
Cameo Island, Zante

Se invece non volete incappare in spiacevoli sorprese, leggete il post su cosa evitare a Zante.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *